Danze sarde

Ringraziamo Gianni Mereu per i video.

La Danza Tradizionale in Sardegna è sicuramente uno degli aspetti della cultura popolare attualmente tra i più praticati, sopratutto nelle zone interne dell’Isola.

È un ricco e variegato panorama di forme coreutiche, strutture musicali e contesti di esecuzione.

Alquanto diversificate in relazione alla zona di origine, le danze sarde hanno sicuramente in comune la loro postura particolare, leggermente semi­seduta, che consente di tenere il busto abbastanza rigido liberando la parte inferiore del corpo che può eseguire variazioni e abbellimenti caratteristici della singola danza.

Originariamente eseguite in cerchio, a confermarne l’origine sacra, stretti in solida “presa”, attualmente i ballerini alternano l’esecuzione del ballo in cerchio a quella a una o più coppie, in catena, anche di soli uomini o sole donne.

Il percorso didattico coprirà vari aspetti del Ballo Sardo e della cultura in cui si è sviluppato.

Partendo dalla storia delle sue origini e la sua evoluzione nel tempo ci si soffermerà sull’analisi coreutica del ballo toccando vari aspetti della musica e degli strumenti usati per accompagnarlo, considerandone anche la diffusione nel territorio.

Il programma delle lezioni terrà conto principalmente del livello di conoscenza del repertorio da parte dei corsisti, è accessibile sia a coloro che non hanno alcuna conoscenza delle Danze Sarde sia a chi intenda approfondirle.

Verranno presentate (o approfondite) quelle più diffuse: Ballu Tundu, Dillu, Passu Torrau e dai repertori di aree ristrette: Arciu, Arciu Antigu, Ballu ‘e s’Esse, Ballu ‘e Ifferrere, Logudoresa Seria per finire con lo Scottis di Gallura.

Le lezioni saranno arricchite da aneddoti e racconti di momenti di vita della cultura barbaricina e delle tradizioni popolari sarde.

Con Gianni Mereu si esibiranno anche i musicisti Andrea Pisu, Pierpaolo Vacca, Gianmichele Lai, Gianluca Carta,  Simone Pistis

Gianni Mereu

Vuoi iscriverti?

Annunci